Terrasini. La sfilata di carnevale dei bambini non si fa. C’è la quaresima

Terrasini. Documento opposizione Sindaco

Claudio Ventimiglia

Ieri, 15 Febbraio, il Sindaco Maniaci di Terrasini ha comunicato, tramite piattaforma social, che la sfilata carnevalesca dei bambini (tanto pubblicizzata e già rimandata una prima volta causa maltempo a venerdì 17 febbraio) è rinviata o per meglio dire annullata, perché  ricade nel periodo quaresimale.

La comunicazione che ha sollevato non poche polemiche e ha evidenziato due distinte prese di posizioni da parte della comunità terrasinese. Un primo schieramento, minoritario, è quello di chi ha accolto positivamente tale decisione: una sfilata allegra di bambini non sarebbe conforme al periodo di penitenza quaresimale

Una seconda posizione, formata da gran parte dei cittadini a vedere dall’umore che si respira in queste ore, di chi è contrario a tale rinvio e sostenuta dalla tesi che l’amministrazione comunale in quanto rappresentante civile dei cittadini è tenuta a rispondere al sentimento civile e non a quello religioso e che la decisone sia stata influenzata, direttamente o indirettamente, da autorità ecclesiastiche localiUn fatto oggettivo esiste: art. 7 della Costituzione: Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.

La domanda è: è lecito il dubbio che tale indipendenza non sia sta rispettata? Ovvero, il provvedimento in questione scaturisce dal voler rispettare il sentimento religioso di gran parte della popolazione (chi ha costatato questa maggioranza e non il contrario?) o da ingerenze di soggetti non eletti dalla comunità civile? 

Una cosa è sicura, oggi hanno perso i bambini.


Seguici su Talenews, le notizie che non ti aspetti

Recommended For You

About the Author: Redazione

1 Comment

  1. Per me i bambini dovevano sfilare!!Che poi si sapeva che si entrava in Quaresima!!…o No??Sono altri i “PECCATI”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This